Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Per discendenza – Jure Sanguinis

 

Per discendenza – Jure Sanguinis

CITTADINANZA PER DISCENDENZA – Jure Sanguinis

 

**IMPORTANTE**: si prega di notare che la procedura per la presentazione dei documenti necessari al riconoscimento della cittadinanza per discendenza (Jure Sanguinis) è stata recentemente aggiornata. In particolare è ora necessaria la traduzione certificata (vedi qui) di TUTTI i certificati.

 

Il riconoscimento della cittadinanza per discendenza avviene soltanto per i maggiorenni. Il figlio minorenne di un cittadino/a italiano è automaticamente italiano. Deve solo essere registrato l’atto di nascita presso il Consolato, come previsto dalla legge (vedi Stato Civile).

Si è cittadini italiani per nascita (anche all'estero) per linea paterna (senza limite di generazione) o per linea materna (solo per coloro nati dopo il 1.1.1948).

Esistono tre tipi di istanza per il riconoscimento della cittadinanza italiana per jure sanguinis:

a) CITTADINANZA PER DISCENDENZA DI CITTADINI NON BRITANNICI DI CEPPO ITALIANO

b) CITTADINANZA PER DISCENDENZA DI CITTADINI BRITANNICI DI CEPPO ITALIANO (genitori iscritti all’AIRE presso questo Consolato)

c) CITTADINANZA PER DISCENDENZA DI CITTADINI BRITANNICI DI CEPPO ITALIANO (genitori non iscritti all’AIRE presso questo Consolato)

 

A decorrere dall’8 agosto 2014, tutte le richieste di riconoscimento della cittadinanza Jure Sanguinis (per discendenza)  sono soggette al pagamento della somma di € 300.00 (da corrispondere a questo Consolato in Sterline, art. 7b - vedi Tariffe Consolari). (L. n. 66, 24/04/2014 e successive modifiche, L. n. 89 23/06/2014 art. 5-bis, comma 1)

La tariffa non è rimborsabile, indipendentemente dall’esito della domanda.

N.B.: l’esame della documentazione per il riconoscimento della cittadinanza italiana per discendenza si basa sull’acquisizione dei certificati originali che dovranno essere conservati agli atti e NON verranno restituiti. Tali certificati dovranno essere:

Nessun caso è mai esattamente uguale ad un altro. L’esame della documentazione NON è possibile prima della ricezione del pagamento, si prega pertanto di non inviare allegati per email o fotocopie poiché saranno cestinati. Le informazioni richieste per email o per telefono non riceveranno una risposta ufficiale. E’ esclusiva responsabilità del richiedente procurarsi tutta la documentazione necessaria alla presentazione della propria istanza di cittadinanza.

 

ATTENZIONE: il requisito di residenza è fondamentale, NON possono essere accettate istanze di chi non possa dimostrare di avere stabile residenza in Scozia o Irlanda del Nord. I residenti in Inghilterra e Galles dovranno rivolgersi al Consolato Italiano a Londra. 

 

Per richiedere un appuntamento (SOLO DOPO aver raccolto TUTTA la documentazione necessaria con realtive legalizzazioni e traduzioni certificate) scrivere a cittadinanza.edimburgo@esteri.it indicando nel campo oggetto Jure Sanguinis  

 

a) CITTADINANZA PER DISCENDENZA DI CITTADINI NON BRITANNICI DI CEPPO ITALIANO

Riconoscimento della cittadinanza italiana per discendenti di cittadini italiani che non sono cittadini britannici o che non sono cittadini britannici dalla nascita. I richiedenti dovranno presentare:

  • ISTANZA DEBITAMENTE COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI, NON FIRMATA (MOD 1 - vedi Modulistica). L’istanza deve essere firmata di persona davanti a un ufficiale consolare il giorno dell’appuntamento. Dovrà essere corrisposta la relativa tariffa per la legalizzazione della firma sull’istanza (art. 24 – vedi Tariffe Consolari);
  • CERTIFICATI ORIGINALI DI NASCITA, MATRIMONIO E MORTE DELL’ULTIMA PERSONA/AVO NATO/A IN ITALIA (N.B. si deve richiedere al Comune italiano “estratto per riassunto dell’atto di nascita”). SE L’AVO E’ NATURALIZZATO STRANIERO PRIMA DELLA NASCITA DEL FIGLIO, NON E’ POSSIBILE RICHIEDERE IL RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA;
  • DICHIARAZIONE RILASCIATA DALLE COMPETENTI AUTORITA’ DELLO STATO ESTERO DI RESIDENZA ATTESTANTE CHE L’AVO ITALIANO A SUO TEMPO EMIGRATO DALL’ ITALIA NON ACQUISTO’ LA CITTADINANZA DELLO STATO ESTERO DI EMIGRAZIONE ANTERIORMENTE ALLA NASCITA DELL’ASCENDENTE DELL’INTERESSATO. In caso di naturalizzazione, nella dichiarazione deve essere indicata la data della naturalizzazione. Questa dichiarazione può essere ottenuta (per quanto concerne il Regno Unito) da The National Archives, Kew Richmond Surrey TW9 4DU (www.nationalarchives.gov.uk), oppure per tutto il periodo antecedente l’1 ottobre 1986, da Home Office UK Border Agency Reliance House 20 Water Street, Liverpool, L2 8XU (ukbanationalityenquiries@ukba.gsi.gov.uk); questa dichiarazione deve essere legalizzata per mezzo di apostille (per ottenere l'apostille, per quanto concerne il Regno Unito, vedi QUI);
  • SE L'ASCENDENTE NATO IN ITALIA SI E' NATURALIZZATO NEL PAESE DI EMIGRAZIONE PRIMA DELLA NASCITA DEL DISCENDENTE SUCCESSIVO, NON SI HA DIRITTO AL RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA;
  • SE QUALCUNO DEGLI ASCENDENTI HA RINUNCIATO ALLA CITTADINANZA ITALIANA, NON SI HA TITOLO AL RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA;
  • CERTIFICATI ORIGINALI DI NASCITA, MATRIMONIO E MORTE DI TUTTI I DISCENDENTI DELL’AVO ITALIANO, INCLUSO IL CERTIFICATO DI NASCITA E, SE IL CASO, MATRIMONIO E/O DIVORZIO DELL’INTERESSATO/A;
  • Eventuali CERTIFICATI ORIGINALI DI NASCITA dei figli minorenni residenti con l’interessato/a;

Tutti i suddetti certificati e la Dichiarazione (tranne l’Estratto dell’atto di nascita rilasciato dal Comune italiano) devono essere legalizzati e tradotti in italiano. La legalizzazione per mezzo di Apostille è richiesta se il Paese di rilascio ha firmato la Convenzione dell'Aja del 05.10.1961, in caso contrario i documenti dovranno essere legalizzati dall'Ambasciata/Consolato italiano competente.

La traduzione in Italiano, effettuata da un traduttore giurato, richiede la legalizzazione o l’apostille da parte delle autorità competenti. Laddove ci si avvalga di un traduttore professionista (come per il caso del Regno Unito, che non contempla la figura del traduttore giurato), la traduzione deve essere debitamente certificata. La certificazione si ottiene:

    • Presso il Consolato Generale d’Italia a Edimburgo, solo ed esclusivamente per le traduzioni di certificati rilasciati dalle autorità britanniche (maggiori informazioni QUI);
    • Per i certificati rilasciati da autorità di altri Paesi, presso l’Ambasciata/Consolato italiano competente per il Paese di emissione del certificato (per l'elenco dei Consolati e Ambasciate italiane, visitare il sito www.esteri.it).
       
  • PASSPORTO DEL/DELLA RICHIEDENTE in corso di validità e PERMESSO DI SOGGIORNO nel Regno Unito o VISTO PER LAVORO nel Regno Unito (se necessario). Coloro che sono in possesso di visto turistico, visto per studenti o WHV (Working Holiday Visa), NON possono fare domanda presso questo Consolato Generale. Si deve essere in possesso - alla data dell'appuntamento - di un permesso di soggiorno britannico valido per più di 2 anni o di un visto per motivi di lavoro valido per più di 2 anni;
  • EVENTUALI fotocopie dei passaporti di moglii/mariti e di tutti i figli minorenni residenti con l’interessato/a;
  • PROVA DI INDIRIZZO (bolletta, council tax, estratto conto bancario, ecc., non più vecchi di tre mesi alla data dell'appuntamento);
  • DIRITTO CONSOLARE DI € 300,00 da versare il giorno dell’appuntamento (in Sterline) in contanti o tramite Postal Order (art. 7b - vedi Tariffe Consolari).

TUTTI i certificati e i documenti devono essere presentati in originale più una fotocopia. LE FOTOCOPIE NON DEVONO ESSERE FRONTE/RETRO: OGNI PAGINA UNA FOTOCOPIA

I documenti per il riconoscimento della cittadinanza per discendenza non hanno scadenza.

Le donne italiane possono trasmettere la cittadinanza italiana solo ai figli nati dal 01/01/1948 in poi.

I richiedenti devono presentarsi di persona in Consolato (solo previo appuntamento).

Il trattamento della pratica può richiedere fino a due anni tempo per essere completato.

N.B.: Contattare l’Ufficio Cittadinanza solo dopo aver raccolto TUTTA la documentazione richiesta.

I documenti originali non verranno restituiti.

 

b) CITTADINANZA PER DISCENDENZA DI CITTADINI BRITANNICI DI CEPPO ITALIANO (genitori iscritti all’AIRE presso questo Consolato)

Riconoscimento di cittadinanza per cittadini britannici (dalla nascita) maggiorenni, figli di cittadini italiani regolarmente iscritti all’AIRE presso questo Consolato. Il/la richiedente deve fornire:

  • ISTANZA DEBITAMENTE COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI, NON FIRMATA (MOD 2 - vedi Modulistica). L’istanza deve essere firmata di persona davanti a un ufficiale consolare il giorno dell’appuntamento. Dovrà essere corrisposta la relativa tariffa per la legalizzazione della firma sull’istanza (art. 24 – vedi Tariffe Consolari);
  • CERTIFICATO DI NASCITA INTEGRALE (full extract) del/della richiedente ed eventuali CERTIFICATO ORIGINALE DI MATRIMONIO E/O DIVORZIO e CERTIFICATI ORIGINALI DI NASCITA dei figli minorenni residenti con il/la richiedente. Tutti questi documenti devono essere legalizzati per mezzo di apostille (per ottenere l'apostille vedi QUI);

Tutti i suddetti certificati devono essere legalizzati e tradotti in italiano. La legalizzazione per mezzo di Apostille è richiesta se il Paese di rilascio ha firmato la Convenzione dell'Aja del 05.10.1961, in caso contrario i documenti dovranno essere legalizzati dall'Ambasciata/Consolato italiano competente.

La traduzione in Italiano, effettuata da un traduttore giurato, richiede la legalizzazione o l’apostille da parte delle autorità competenti. Laddove ci si avvalga di un traduttore professionista (come per il caso del Regno Unito, che non contempla la figura del traduttore giurato), la traduzione deve essere debitamente certificata. La certificazione si ottiene:

    • Presso il Consolato Generale d’Italia a Edimburgo, solo ed esclusivamente per le traduzioni di certificati rilasciati dalle autorità britanniche (maggiori informazioni QUI);
    • Per i certificati rilasciati da autorità di altri Paesi, presso l’Ambasciata/Consolato italiano competente per il Paese di emissione del certificato (per l'elenco dei Consolati e Ambasciate italiane, visitare il sito www.esteri.it).
       
  • PROVA DI INDIRIZZO (bolletta, council tax, estratto conto bancario, ecc., non più vecchi di tre mesi alla data dell'appuntamento);
  • PASSPORTO DEL/DELLA RICHIEDENTE, in corso di validità, con fotocopia delle pagine con foto e firma;
  • EVENTUALI fotocopie dei passaporti di moglii/mariti e di tutti i figli minorenni residenti con l’interessato/a;
  • DIRITTO CONSOLARE DI € 300,00 da versare il giorno dell’appuntamento (in Sterline) in contanti o tramite Postal Order (art. 7b - vedi Tariffe Consolari).

TUTTI i certificati e i documenti devono essere presentati in originale più una fotocopia. LE FOTOCOPIE NON DEVONO ESSERE FRONTE/RETRO: OGNI PAGINA UNA FOTOCOPIA

I documenti per il riconoscimento della cittadinanza per discendenza non hanno scadenza.

Le donne italiane possono trasmettere la cittadinanza italiana solo ai figli nati dal 01/01/1948 in poi.

I richiedenti devono presentarsi di persona in Consolato (solo previo appuntamento).

Il trattamento della pratica può richiedere fino a due anni tempo per essere completato.

N.B.: Contattare l’Ufficio Cittadinanza solo dopo aver raccolto TUTTA la documentazione richiesta.

I documenti originali non verranno restituiti.

 

c) CITTADINANZA PER DISCENDENZA DI CITTADINI BRITANNICI DI CEPPO ITALIANO (genitori non iscritti all’AIRE presso questo Consolato)

Riconoscimento di cittadinanza per cittadini britannici (dalla nascita) maggiorenni, discendenti da cittadini italiani NON iscritti all’AIRE presso questo Consolato. Il/la richiedente deve fornire:

  • ISTANZA DEBITAMENTE COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI, NON FIRMATA (MOD 3 - vedi Modulistica). L’istanza deve essere firmata di persona davanti a un ufficiale consolare il giorno dell’appuntamento. Dovrà essere corrisposta la relativa tariffa per la legalizzazione della firma sull’istanza (art. 24 – vedi Tariffe Consolari);
  • CERTIFICATO ORIGINALE DI NASCITA DELL’ULTIMA PERSONA/AVO NATO/A IN ITALIA (N.B. si deve richiedere al Comune italiano di nascita l’ “estratto per riassunto dell’atto di nascita”);
  • DICHIARAZIONE per il periodo 1844/Sept. 1986, che il proprio ascendente nato in Italia non si è naturalizzato britannico. In caso di naturalizzazione è necessaria l'indicazione della data di acquisto della cittadinanza britannica. La dichiarazione viene rilasciata da: The National Archives, Kew Richmond Surrey TW9 4DU (www.nationalarchives.gov.uk) o, per il periodo dopo il 1 Ottobre 1986, dall'Home Office UK Border Agency, Reliance House, 20 Water Street, Liverpool L2 8XU (www.ukba.homeoffice.gov.uk/britishcitizenship/proof-that-you-are-not-british) (ukbanationalityenquiries@ukba.gsi.gov.uk) Questa dichiarazione deve essere legalizzata per mezzo di apostille (per ottenere l'apostille vedi QUI);
  • SE L'ASCENDENTE NATO IN ITALIA SI E' NATURALIZZATO BRITANNICO PRIMA DELLA NASCITA DEL DISCENDENTE SUCCESSIVO, NON SI HA DIRITTO AL RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA;
  • SE QUALCUNO DEGLI ASCENDENTI HA RINUNCIATO ALLA CITTADINANZA ITALIANA, NON SI HA TITOLO AL RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA;
  • CERTIFICATI ORIGINALI DI NASCITA, MATRIMONIO E MORTE di TUTTI i discendenti. Tutti i certificati britannici devono essere legalizzati per mezzo di apostille (per ottenere l'apostille vedi QUI);
  • CERTIFICATO DI NASCITA INTEGRALE (full extract) del/della richiedente e eventuali CERTIFICATO ORIGINALE DI MATRIMONIO E/O DIVORZIO e CERTIFICATI ORIGINALI DI NASCITA dei figli minorenni residenti con il/la richiedente. Tutti questi documenti devono essere legalizzati per mezzo di apostille (per ottenere l'apostille vedi QUI);

Tutti i suddetti certificati e la Dichiarazione (tranne l’Estratto dell’atto di nascita rilasciato dal Comune italiano) devono essere legalizzati e tradotti in italiano. La legalizzazione per mezzodi Apostille è richiesta se il Paese di rilascio ha firmato la Convenzione dell'Aja del 05.10.1961, in caso contrario i documenti dovranno essere legalizzati dall'Ambasciata/Consolato italiano competente.

La traduzione in Italiano, effettuata da un traduttore giurato, richiede la legalizzazione o l’apostille da parte delle autorità competenti. Laddove ci si avvalga di un traduttore professionista (come per il caso del Regno Unito, che non contempla la figura del traduttore giurato), la traduzione deve essere debitamente certificata. La certificazione si ottiene:

    • Presso il Consolato Generale d’Italia a Edimburgo, solo ed esclusivamente per le traduzioni di certificati rilasciati dalle autorità britanniche (maggiori informazioni QUI);
    • Per i certificati rilasciati da autorità di altri Paesi, presso l’Ambasciata/Consolato italiano competente per il Paese di emissione del certificato (per l'elenco dei Consolati e Ambasciate italiane, visitare il sito www.esteri.it).
       
  • PROVA DI INDIRIZZO (bolletta, council tax, estratto conto bancario, ecc., non più vecchi di tre mesi alla data dell'appuntamento);
  • PASSPORTO DEL/DELLA RICHIEDENTE in corso di validità, con fotocopia delle pagine con foto e firma;
  • EVENTUALI fotocopie dei passaporti di moglii/mariti e di tutti i figli minorenni residenti con l’interessato/a;
  • DIRITTO CONSOLARE DI € 300,00 da versare il giorno dell’appuntamento (in Sterline) in contanti o tramite Postal Order (art. 7b - vedi Tariffe Consolari).

TUTTI i certificati e i documenti devono essere presentati in originale più una fotocopia. LE FOTOCOPIE NON DEVONO ESSERE FRONTE/RETRO: OGNI PAGINA UNA FOTOCOPIA

I documenti per il riconoscimento della cittadinanza per discendenza non hanno scadenza.

Le donne italiane possono trasmettere la cittadinanza italiana solo ai figli nati dal 01/01/1948 in poi.

I richiedenti devono presentarsi di persona in Consolato (solo previo appuntamento).

Il trattamento della pratica può richiedere fino a due anni tempo per essere completato.

N.B.: Contattare l’Ufficio Cittadinanza solo dopo aver raccolto TUTTA la documentazione richiesta.

I documenti originali non verranno restituiti.


155