Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

FAQs Anagrafe ed AIRE

 

FAQs Anagrafe ed AIRE

FAQs Anagrafe ed AIRE

Torna alla home page FAQs

 

 

Che cos'è Fast It?
Il portale Fast It (Farnesina servizi tematici per Italiani all’estero) aspira a divenire il canale privilegiato di contatto tra i connazionali e la Sede consolare di competenza, in sostituzione dei mezzi di comunicazione tradizionali (email, posta, fax, ecc.). L’ambiente standardizzato del portale, infatti, aiutando e impegnando l’utente a fornire tutte le informazioni necessarie agli Uffici consolari per portare a compimento con successo le istanze presentate, minimizza le occasioni di doversi recare in Consolato, se non richiesto dalla normativa. E’ possibile accedere al portale tramite il link https://serviziconsolarionline.esteri.it

Che cosa si intende per AIRE?
L'AIRE è l'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero.

Che cosa si intende per residenza?
La residenza è il luogo in cui una persona ha la propria dimora abituale, cioè quello in cui trascorre la maggior parte del proprio tempo.

Mi sono trasferito nel Regno Unito, devo iscrivermi all'AIRE?
La legge 470/1988 stabilisce che tutti i cittadini italiani che trasferiscono all'estero la loro residenza devono, entro 90 giorni dalla data di arrivo nel Paese di destinazione, fare apposita dichiarazione presso il competente Ufficio consolare. Anche chi è emigrato prima dell'entrata in vigore di questa legge deve iscriversi.
L'iscrizione all'AIRE è necessaria per ottenere tutti i documenti ed i certificati che sono rilasciati dall'Ufficio consolare. Anche per poter richiedere il rilascio o il rinnovo del passaporto o esercitare il diritto di voto occorre aver adempiuto al predetto obbligo.

Come mi iscrivo all'AIRE?
Il metodo più rapido e più semplice è atrmite registrazione al portale Fast It (clicca qui). Il richiedente cittadino italiano che intende trasferire la sua residenza all'estero per un periodo superiore a dodici mesi, può dichiarare il trasferimento direttamente al Consolato oppure, prima di espatriare, può rendere tale dichiarazione al Comune italiano di residenza.

DICHIARAZIONE DI TRASFERIMENTO DI RESIDENZA AL COMUNE DI PROVENIENZA:
Sarà sufficiente utilizzare il modello del Comune di residenza ed inviarlo al Comune stesso nelle forme e nei modi indicati. In tal caso, il cittadino ha comunque l'obbligo di rendere la dichiarazione di espatrio al Consolato di competenza entro 90 giorni dall'arrivo all'estero, perchè il Consolato sia messo in condizione di inviare al Comune di provenienza il modello di conferma di trasferimento del cittadino all'estero. La cancellazione dal registro della popolazione residente e l'iscrizione all'AIRE, in tal caso, decorrono dalla data in cui l'interessato ha reso la dichiarazione di espatrio al Comune. Se il connazionale, pur essendosi presentato al Comune, non rende detta dichiarazione all'Ufficio consolare competente, il provvedimento rimane sospeso per un anno. Decorso tale periodo il cittadino viene cancellato dall'anagrafe della popolazione residente per irreperibilità.

DICHIARAZIONE DI TRASFERIMENTO DI RESIDENZA AL CONSOLATO:
È necessario compilare in ogni sua parte il modulo di richiesta di iscrizione scaricabile dalla sezione modulistica, insieme a copia di un valido documento di identità italiano e documentazione comprovante la residenza nella circoscrizione consolare (es. contratto di lavoro, contratto di affitto, utenze residenziali, conto bancario...). Tale modulo andrà formulato per ogni familiare a carico convivente, con aggiunta del relativo valido documento di identità.

NB: A termine di legge, la pratica di iscrizione/aggiornamento AIRE verrà lavorata dal Consolato entro 180 giorni dalla ricezione.

Da quando risulterò iscritto all'AIRE?
Se il trasferimento all'estero viene dichiarato al Comune italiano di residenza, la cancellazione dal registro della popolazione residente e l'iscrizione all'AIRE decorrono dalla data in cui l'interessato ha reso la dichiarazione di espatrio al Comune. Il cittadino ha comunque l'obbligo di inviare la richiesta di iscrizione al Consolato entro 90 giorni dall'arrivo all'estero. Se entro un anno il Comune non riceve dal Consolato la conferma di iscrizione all'AIRE, sarà avviato il procedimento di cancellazione del richiedente per irreperibilità.

Se la richiesta di iscrizione all'AIRE viene presentata direttamente al Consolato, la decorrenza dell'iscrizione è dalla data di ricezione della stessa da parte dell'ufficiale di anagrafe, qualora non sia già stata resa la dichiarazione di trasferimento all'estero presso il Comune di ultima residenza, e sarà effettuata dal Comune entro due giorni dal ricevimento del modello consolare (legge 35/2012).

Come faccio ad ottenere un certificato di residenza?
Gli Uffici consolari non sono titolari delle funzioni di ufficiale di anagrafe e non possono pertanto rilasciare certificati di residenza, compito che può essere assolto esclusivamente dai Comuni italiani sia per quanto riguarda l'AIRE che per quanto riguarda l'APR (Anagrafe della Popolazione Residente).
Il certificato di residenza dovrà pertanto essere richiesto al Comune presso la cui AIRE il connazionale risulta iscritto.

Come faccio a sapere se sono iscritto in anagrafe consolare?
Una volta inserito nello schedario consolare, riceverà un messaggio di conferma che la Sua iscrizione è stata inviata al Suo Comune di ultima residenza in Italia. Sarà poi il Comune stesso ad inviarLe la conferma di avvenuta iscrizione all'AIRE per posta al Suo indirizzo britannico.

Come faccio a sapere se quanto ho inviato è corretto?
A causa dell'elevata quantità di domande ricevute da questo ufficio, non sarà possibile confermare la correttezza delle singole richieste prima che esse vengano processate. Pertanto, si prega di assicurarsi di aver inviato tutti i documenti necessari.

Devo comunicare il mio cambio di indirizzo nel Regno Unito?
Sì, i cambi di residenza, una volta che il connazionale si iscrive all'AIRE, vanno necessariamente comunicati al Consolato utilizzando l'apposito modulo scaricabile dalla sezione modulistica,
Si ricorda che il puntuale aggiornamento delle notizie anagrafiche è l'unico modo che consente l'erogazione dei servizi consolari e l'esercizio del diritto di voto.

NB: Le Autorità britanniche non comunicano le notizie anagrafiche ai Consolati, pertanto devono essere gli stessi connazionali a farsene carico personalmente.

Quanto costa iscriversi all'AIRE o comunicare il cambio di indirizzo?
L'iscrizione in AIRE e gli aggiornamenti delle notizie anagrafiche sono completamente gratuiti.

Come trasferisco la mia iscrizione da un comune ad un altro?
Il cittadino residente all'estero può trasferire la sua iscrizione all'AIRE in Comune italiano diverso da quello attuale solo ed esclusivamente per i seguenti motivi:
- quando ha membri del suo nucleo familiare (marito/moglie, figli minorenni, genitori) residenti o iscritti all'AIRE del Comune in cui ci si vuole trasferire
- a seguito della registrazione presso lo Stato civile del Comune in cui ci si vuole trasferire dell'atto di nascita avvenuta all'estero
- per acquisizione della cittadinanza italiana.

Torna alla home page FAQs


113