Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Dichiarazione di accompagnamento

AFFIDAMENTO DI MINORI CITTADINI ITALIANI A PERSONE DIVERSE DAI GENITORI IN CASO DI VIAGGIO

Se si desidera che un minore di anni 14 viaggi in Italia accompagnato da una persona diversa dai genitori o affidato alla compagnia aerea, è necessario che i genitori o gli esercenti la potestà genitoriale presentino una dichiarazione di accompagnamento (scarica il modulo QUI).
In caso di dubbio si prega di contattare direttamente l’Ente/Compagnia aerea per informazioni sulla documentazione da loro ritenuta necessaria, o di optare per la Apposizione della menzione dell’accompagnatore/i sul passaporto del minore.

 

La validità della dichiarazione è di norma circoscritta ad un viaggio (da intendersi come andata e/o ritorno) fuori dal Paese di residenza del minore infra-quattordicenne, con destinazione determinata. Il termine massimo di validità della dichiarazione – entro cui devono essere ricomprese la data di partenza e la data di rientro – è di 6 mesi. La validità della dichiarazione non può comunque oltrepassare la data di scadenza del passaporto del minore.

La dichiarazione di accompagnamento va presentata presso le Questure in Italia o le Rappresentanze diplomatico-consolari all’estero. L’Autorità competente a ricevere la dichiarazione è di norma quella nella cui circoscrizione risiede il richiedente.

Nel caso in cui i genitori siano entrambi cittadini UE, detta dichiarazione deve essere presentata inviando per e-mail o via posta ordinaria, la Dichiarazione di accompagnamento (scaricala QUI) insieme a:

    • fotocopia dei documenti d’identità di entrambi dei genitori
    • fotocopia del/i documento/i d’identità dell’accompagnatore/i
    • passaporto originale del minore (vedi sotto alla voce IMPORTANTE), o fotocopia del documento d’identità del minore
    • busta special delivery o signed for prepagata e indirizzata a sé stessi

ATTENZIONE: Se uno dei genitori è di cittadinanza non comunitaria (cittadino di stato non membro dell’UE), il modulo di richiesta deve essere firmato di persona in presenza del funzionario del Consolato o della rete consolare onoraria, previa esibizione di un valido documento d’identità (solo su appuntamento da concordare per e-mail: passaporti.edimburgo@esteri.it).

Poiché la L. 1185/1967 fa espresso riferimento ai “cittadini”, l’applicazione della procedura sopradescritta è limitata ai soli minori italiani.

 

NB: Spuntare sul modulo di richiesta di dichiarazione di accompagnamento una delle seguenti caselle:

  • Apposizione della menzione dell’accompagnatore/i sul passaporto del minore
    Il Ministero della Giustizia reputa preferibile la menzione sul passaporto rispetto alle dichiarazioni separate. Non può negarsi, infatti, la maggiore garanzia di autenticità e integrità offerta dal passaporto nel cui unico contesto sono presenti le generalità del minore, nonché le menzioni di accompagnamento. Inoltre, il preciso riferimento spazio-temporale facilita il compito dei Paesi terzi nell’individuazione delle menzioni ancore valide ed efficaci.
  • Rilascio di una Dichiarazione di accompagnamento cartacea recante i dati sopra riportati

IMPORTANTE: Il ministero degli Esteri consiglia sempre, ove possibile, di optare per la menzione dell’accompagnatore/i sul passaporto del minore. L’operazione è rapida, gratuita e più sicura rispetto alla Dichiarazione di accompagnamento cartacea, e può essere richiesta per posta, inviando il passaporto del minore insieme a una busta special delivery prepagata per la restituzione dello stesso.